cronache di metà agosto…

 

Da giorni sento prepotente qualcosa che chiede di uscire

eppure resta lì,

in piena gola come un osso di ciliegia

dietro agli occhi come pensieri soffocati

Come quando vuoi urlare ma non hai voce,

Come quando vorresti piangere di gusto ma sei totalmente asciugata, da questa estate che pare implacabile

Allora ti stendi, al buio sul divano… e raccogli i pensieri come farfalle colorate

Chiudi gli occhi e pensi a tutto quello che c’è, vicino e lontano…

Fai uno dei sospiri più grandi che sai fare e con un salto si sale…

C’è il sole che brucia?… pulisco le persiane, vedi come si fa veloce

( poi nana come sono le lascio a terra che ho rischiato una spalla a tentare di rimetterle!)

Devo sfogarmi?… strappo erbacce, con i gatti che fanno fusa accanto…

Mani sporche, pelle sudata, di quando FAI e non LASCI FARE…

Così arriva sera e capita di guardare la finale di pallavolo con due nanerottoli esaltati, a saltare ( invano…gggrrr!) sul divano, mangiare cena con loro ascoltando filastrocche bislacche uscire dalle loro testoline da stupidera gratuita e bambina ( incantevole, direi)

Tutto questo per dire cosa?

non lo so, ma avevo voglia di dirlo…

 

Annunci

130 pensieri su “cronache di metà agosto…

  1. Me la sto ancora rimuginando… (la finale, sono un irrecuperabile pallavolista). Mi sa che domani mi do anch’io al giardinaggio!
    Scherzi a parte, capisco la cura che è racchiusa in quell’operatività, nel lavoro manuale, nel sudore, nella soddisfazione di dire “fatto” (anche se non è finito del tutto), con le mani sporche, e stanche. La mente più rilassata e libera. Nel solco, nelle limature, nelle pennellate, nelle rastrellate, in ogni filo d’erbaccia strappato, puoi trovare un percorso, un canto, il filo di un pensiero. Il lento, progressivo lenimento a un dolore. Un passo avanti, uno in più.

    Mi piace

    • ( lasciamo stare che volevo spaccare il televisore e lanciare anatemi verso chiunque, ma con due nani presenti non è stato possibile!)
      … È stato quello, girare per casa, cercando non so nemmeno cosa ( o forse si ma questa è un’altra storia ancora) lasciarsi cadere sul divano, provare a dormire… E poi finalmente recuperare un briciolo di forze… Perché quella stanchezza serve, ddddioseserve… E non è la stessa cosa andare a camminare o in bici, no… Mi serve qualcosa di concreto per dire “fatto”… Che sarà poco ma serve..

      Liked by 1 persona

    • Il pezzo di apertura di uno spettacolo del Cirque du soleil -Alegria- che recita :
      ” se non hai voce grida, se non hai gambe corri, se non hai speranza inventa…”
      Non lo so perché di preciso ma la trovo incantevole
      ( oltre ad amare ogni singolo secondo di quello spettacolo, e del film)

      Liked by 1 persona

  2. Te l’ho detto stamattina che siamo astute!
    Io oggi ho lavato i pavimenti come non ci fosse un domani……. in ginocchio…… con le ginocchiere da ex-pallavolista che sono tornate utili. Il bacio più grande che c’è ❤

    Mi piace

  3. A volte è meglio accennare a qualcosa… Lasciare che ognuno interpreti e legga tra le righe…
    ☺️
    Le filastrocche hanno sempre un perché, fosse solo strapparci un sorriso… Davanti ad una finale rubata!
    Buona giornata 😘

    Mi piace

  4. Ti avevo lasciato un lungo commento di bimbi che raccolgono perline nella sabbia , di mattine al cui risveglio mi ritrovo con un elefante disteso sopra per lungo, della mia discendenza dal sofà e non dalla scimmia e che le persiane sono brutte e cattive, ma WordFess pare avere annichilito il commento.
    Un caro saluto e se trovi il mio commento precedente, salutamelo.

    Mi piace

    • URCAMALURA!!!
      sono andata a vedere ma il commento non è nel buco nero… e adesso?
      uorpressdeimieistivali! ggggrrrrr…
      i bimbi che raccolgono perline nella sabbia sono belli, come quelli che giocano con le pentole creando cibi straordinari con sabbia e foglie…
      un elefante distesomi pare roba difficilotta da gestire O_o
      ( mi ricorda la pubblicità del tipo che si sveglia con un cinghiale sulla pancia, che lo fissa…ahahah!)
      Le persiano son terribili, e il non considerarle come dovrei le rende sempre più un casino… ma ci riuscirò… a quattro per volta le finirò…
      un caro saluto con abbraccio a te 🙂

      Liked by 1 persona

  5. Non ho capito cosa eh (un urlo, per cominciare?), ma se vuoi ho un abbraccio pronto (solo se prima ti sei fatta una doccia, con tutto ‘sto lavoro! 🙂 )
    …e poi, mi pare, c’è una seduta che avevamo interrotto…

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...