pressione bassa e strofinacci…

C’è qualcosa di dolce negli stracci… qualcosa che attira la mia attenzione e che non so spiegare.

Ci sono quelli in cucina, ne ho sempre tre o quattro in uso soprattutto per la mia capacità di far danni e sporcare
Uno per asciugare le stoviglie, così non rimangono i segni
Uno per frutta e verdura, perchè anche quella dell’orto richiede una minima rinfrescata
Uno utile quando rovescio qualcosa sul ripiano…. e accade in continuazione
Uno che viene usato, fino a quando è pulito, come tovaglietta per la merenda di Mini
Ovviamente….
Questa è la distinzione se solo fossi una persona precisa…
Nella realtà dei fatti tutti quanti si mischiano e invertono, si scambiano compito e posto come in un gioco al nascondino
Il più delle volte sono dall’altra parte del mondo e con mani gocciolanti attraverso la cucina, rendendo partecipe il pavimento di quello che accade ai ripiani più alti
o mi ritrovo ad asciugare il bicchiere appena lavato con lo strofinaccio che ho usato per pulire i pomodori… dannazione!
O ancora, Mini si lava le mani e le asciuga con quello appena preso dal cassetto… dopo una sessione di pittura a fango generando una sindone manesca sul tessuto…
Sono semplici pezzi di stoffa, a volte recuperati da vecchi ritagli o tovaglie rovinate, utili per fare pulizia in un mondo troppo spesso sporco e incasinato
Asciugano, puliscono, ricoprono frutta e torte proteggendo da quella parte di mondo che ronza intorno e porta poche cose buone
Presi al mattino dal mobile, lindi e stirati, con le cuciture allineate e i colori brillanti
dopo mezza giornata sono messi “a pallina” su una parte del ripiano
Li appendo alla maniglia del forno quando voglio far finta di essere ordinata ma con la loro forma e le millemila pieghette sorridono di me rassegnati ad una vita da stropicciati
E anche se lanciati, arrotolati, abbandonati in un angolo o usati in continuazione … sono sempre lì, come piccoli eroi del mio mondo quotidiano…
Annunci

91 pensieri su “pressione bassa e strofinacci…

  1. Io odio gli strofinacci alla rinfusa e tendo a piegarli formando sempre dei rettangoli, cercando di usare una “faccia” per volta e farli durare più a lungo.
    Lo so, raccontata così sembra da psicopatici e forse lo è.

    Mi piace

  2. Una mia amica utilizza più strofinacci contemporaneamente, ma è meticolosissima: quello per le mani, quello per asciugare le stoviglie lavate, quello per raccogliere le briciole ecc. 😅 io non posso farcela… Uno solo e quando è appena un po’ “usato” subito da lavare ed ecco il secondo preso al volo dal cassetto dove li tengo tutti in fila arrotolati, perché così sono più simpatici ☺️
    Baci 😘

    Mi piace

  3. Mia madre di strofinacci ne aveva una marea, anche quelli consumati e sporchi, invece di buttarli li lavava e li riutillizava. E tutti in ordine nei cassetti, se fossi stata figlia sua ti avrebbe cacciato di casa 😀 mai arrotolarli, a me diceva come dovevo riporli, ed io lo facevo le prime volte, ma poi facevo a modo mio 😉

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...