non si ringrazia mai abbastanza…

…   l’ho fatto una volta, mesi fa… e oggi  ho bisogno di un pensiero da sospiro anche …

Ai muri di casa, che stanno su nonostante le botte prese

Al pennarello che disegna lettere e forme negli angoli del mio mondo

Al profumo del pane nel forno, che rende l’aria di casa piena di calore anche oggi

Ai libri che devo leggere e a quelli che ho già letto

Alle parole carine scritte o dette di persona

Agli occhi di chi sa cosa ho in testa, nel cuore e nello stomaco e senza muoversi mi abbraccia

Alle mie anche che hanno ricominciato a fare male, solo per ricordarmi di stare calma e respirare

Alle unghie che non ho, anzi alle dita che non ho… perché qualcuno m’ha detto che probabilmente  mi manca il cassetto della lotta…

Alla legna che brucia nella stufa, semplicemente perché mi pare una magia che si rinnova

Alle musiche che continuo a scoprire e riempiono le mie giornate

Al mio giardino pieno di autunno

A chi c’è, nonostante me

A chi resta e lo fa per me

A chi se n’è andato, proprio perché ero qua

A chi è andato più in là ma sento lo stesso presente

Alle foglie che cadendo diventano farfalle

Alla macchina che parte sempre

Alla rabbia che vien fuori e mi ricordo che sì… mi han fatto male ma mi riprendo…

GRAZIE

…La vita riserva sempre delle strane sorprese.

Proprio ora…

mi accingo a ritirare il prestigioso premio Nobel  per  DAICHECELASTAIFACENDO!

In questo momento sono davanti ad un’immensa folla di matti ed entusiasti che mi acclama come la grande star che sono….

E io….

In pigiama e babbucce  mi avvicino al microfono per fare i ringraziamenti di rito:

prima di tutto un grazie di cuore a chi nonostante la mia instabilità psichica ed emotiva, continua a restarmi accanto e soprattutto…a darmi retta.

Grazie al cielo, che non è ancora caduto.

Grazie al mio giardino, dove il fiore più prezioso regna di fianco all’erbaccia più impestata, ma non si danno troppa noia, quindi va bene così e ogni anno, nonostante la mia poca cura, torna a sbocciare e regalarmi un sacco di colori.

Grazie alle mie calze, spesso spaiate ma molto colorate che rendono più allegro il mio camminare…

E grazie al mio cappello che riscalda i pensieri quando fuori c’è un gelo polare..

Grazie alla mia coperta blu….perché in realtà, mi chiamo Linus.

Grazie al caffè che rende affrontabile il mattino…e il pomeriggio….e anche la sera.

Grazie alle biro che non scrivono…e mi evitano parole inutili

…e al T9 che mi cambia le parole in corsa e spesso ci azzecca pure!

Grazie alle matite, che scrivono leggere e alla gomma che mi permette di cambiare idea.

Grazie a tutto quello che improvvisamente scompare nella mia casa e mi da motivo di rallentare, anche con i pensieri…

Grazie alle nuvole che cambiano forma e mi intrattengono meglio di un film.

Grazie ai milioni di uccellini che ho intorno a casa, che sistematicamente snobbano ogni mia casetta e mangiatoia con tanto di cibo, solo per il gusto di stabilizzarsi sulla trave sopra la porta d’ingresso e ricordarmi ogni tre secondi che fanno parte della famiglia, che questa è casa loro e fatti i cazzi tuoi andiamo dove ci pare!

Grazie ai cani dei vicini, che anche quando sono a casa da sola… mi ricordano che non è così.

Grazie al divano, che mi rilassa nelle notti che da sola non so dormire.

Grazie ai sogni e alle speranze, che anche se a volte sembrano distanti…ricominciano ogni volta a brillare più forti di prima.

Grazie alle mie unghie che nonostante il continuo rosicchiarle… ricrescono dando grandi soddisfazioni.

Grazie al mio ultimo dente da latte, caduto a 34 anni, che mi ricorda che sono solo cresciuta un pochino e ho ancora un sacco di infanzia davanti a me.

E adesso, non volendo tediare oltre questo splendido pubblico e i miei affezionatissimi sostenitori:

Grazie a me!

che se ho tutto ‘sto mondo fantastico e questa gran bella gente intorno è anche merito mio…no?cincia