… succede che…

…  ci sono momenti che sento le mani che si intrecciano… si accarezzano… sento un abbraccio dolce, da “ il tempo si ferma”…

… sento un carole affettuoso sul viso… e il profumo di lavanda…

… niente… son caduta al di là del muretto mentre potavo fiori per fare acqua profumata…

😉

SALUTARSI…

piedi neve

Ti saluterei… come si saluta un amico ma non siamo amici…

Ti saluterei … come se ti avessi appena incontrato e ci si dovesse ancora scoprire … ma abbiamo fatto un sacco di strada e quelli che si sono conosciuti tempo fa ora sono diversi .. ora.

Ti saluterei … come si saluta chi ti ha pugnalato, con urla e schiaffi .. ma non ne sono capace e non mi sarebbe utile…

Ti saluterei come uno qualsiasi sul mio sentiero … ma non sei uno qualsiasi.

Ti saluterei come il nostro primo abbraccio … ma se penso a quanto mi ha ingannato quell’abbraccio … preferisco stare un po’ più in là.

Ti saluterei come non ci fosse un domani … e invece c’è, per fortuna o purtroppo lo devo ancora decidere.

Ti saluterei … come si fa alla stazione dei treni …

E prima o poi… ti saluterò….