Architettura bislacca

 

Un portico,

per attendere al riparo prima di entrare o una volta che si decide di andare

Finestre ampie
per fare entrare tutta la luce possibile con delle tende leggere a far da filtro,
perché ogni tanto la penombra può essere utile.
Persiane di legno per quando si vuole riposo dal mondo.
Un seminterrato per sentire l’odore della terra e ricordarlo
Una mansarda per quello del cielo e delle stelle
Tetti spioventi a far scivolar fastidi
e uno più piatto per raccoglierli e darsi il tempo di osservarli.
Una parte in legno, leggera e dal profumo di bosco
Una parte di cemento e pietra, più pesante e con fondamenta solide
Una scala da fare a saltelli gioiosi
e di fronte
una strada
per andare altrove
e poter tornare.
WP_20170605_21_25_10_Pro

A ciò che potrebbe ma non è…

Alla luna che resta in cielo al mattino

Alla pioggia col sole
Alla neve d’estate e al mare d’inverno

Alle torte senza zucchero
Al cioccolato senza cacao

Agli abbracci rubati,                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                 che quindi abbracci non sono

A quando non è il tempo
A quando non è il momento
A quando si può ma non si vuole
A quelle cose che accadono sempre in ritardo                                                                                                                                                                                                                                                                                 o in anticipo… un po’ accazzo insomma

Per tutte quelle volte che ti senti un lampione  in pieno giorno.

 

E tu?.. cosa vorresti fare da grande?…

Io…

vorrei imparare a camminare sul filo teso tra due alberi, con un ombrello rosso in mano e un cappello di feltro blu con un fiore giallo…

E poi vorrei fare bolle di sapone giganti e farle uscire dalle finestre di una chiesetta abbandonata in collina tra le vigne…

Vorrei intrecciare un lunghissimo filo di lana tra i tronchi dei pioppi del campo qua vicino e farne una sciarpa da gigante…

Mi piacerebbe avere le tasche piene di pensieri impossibili e tirarli a mani aperte giù da un ponticello di legno in montagna…

E dipingere sull’erba con colori che appaiono solo a chi lo vuole davvero…

… per fortuna sono ancora piccola… 😀