… di finzione e protezione…

Ci sono facce di legno. Immobili, sempre uguali a se stesse. Sembrano naturali, come il legno sa essere ma qualcosa sembra costretto lì sotto, i sorrisi son sempre simili a quelli di un libro di disegno, lo sguardo si sposta di lenti e impercettibili movimenti  e anche ad avvicinarti rischi scaglie a fior di pelle.

Ci sono facce di latta, lucida e sottile. Quello che vedi è solo un riflesso ma non come con gli specchi. Quando le guardi non vedi te stesso ma solo qualcosa che ti assomiglia o qualcosa che vorresti vedere ma che resta confuso. A lungo andare rischiano ammaccature ma ben nascosti dietro quella pellicola tagliente non si accorgono che sta crollando tutto e insistono nella pantomima, cambiando al massimo interlocutore.

Ci sono facce di nebbia, tutto ciò che le circonda sembra poco chiaro ma non essendo un vero e proprio fumo non ne percepisci immediatamente il fastidio. Non vedi gli occhi, non vedi la bocca. Potrebbero ridere facendo rumore mentre tentano di fulminarti con lo sguardo e nemmeno te ne accorgeresti. E quando ti avvicini troppo e stai per scoprire l’inganno… PUF… svaniscono come un incantesimo.

Ci sono facce di vetro, puoi vedere quello che passa sottopelle. Impossibile mimetizzare le emozioni, belle o brutte che siano. Hanno occhi che ridono, bocche che piangono e naso che si stringe ad ogni odore fastidioso.  A volte possono sembrare opache per tutto ciò che ha sporcato i pensieri ma il sotto si percepisce, anche nel silenzio di uno sguardo. Le facce di vetro hanno spesso mani irrequiete che le stropicciano, aumentando il passaggio dei pensieri.

Il vetro non copre, non nasconde, caso mai è un tentativo di protezione e spesso, quando si rompe lo fa dall’interno.

 

 

16 pensieri su “… di finzione e protezione…

  1. Le facce di vetro hanno bisogno di un po’ più di cura e manutenzione. 😘
    Conoscevo una persona che era stato soprannominata faccia di gomma, niente lo poteva scalfire, tutto rimbalzava lontano. Era preso in giro da tanti, ma a ben guardare forse viveva meglio lui di tanti altri.

    Piace a 1 persona

  2. Quelle che temo di più (e mal sopporto) sono le “due-facce”. Non sai mai quale sia quella vera, ma forse non ne hanno. Non sai mai in quali occhi guardare. Gli farei una faccia…di schiaffi. Anzi due!
    Le facce di vetro sono quelle che preferisco. Un po’ difficili da gestire, ma quando sono pulite, splendono che è una meraviglia.

    "Mi piace"

    • E c’è sempre da sperare che una delle due facce sia quantomeno simile al vero… Quando entrambe son maschere mi parte un prurito alle mani che mannaggialavacca!
      Quelle di vetro son difficili da gestire ma son piene di soddisfazione😊

      Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.