Come il risotto riscaldato…

… che non va su né giù.

Resti lì, a metà strada tra bocca e polmoni.

Come uno spillo conficcato in gola.

Come una lisca di pesce che non uccide ma causa dolore.

Come la spina del legno sotto la pelle, che punge improvvisamente se metti male la mano, se solo la sfiori.

Come il polpettone avanzato che quando lo rimangi, per l’ennesima volta, per farlo scendere devi bere litri e litri di acqua.

Dovrei farmi una maglietta con su scritto ” avvicinarsi con cautela”.

E non perché mordo.

Che poi, son mica morta.

Vado avanti, faccio quello che facevo prima e la stupidera non manca.

Ma mi sono un po’ rotta di avere questo sassolino nella scarpa che fa andare storti, zoppicanti e rallentati,

al passo del pinguino ubriaco.

Certi incontri sono come una fetta di tiramisù: buoni da brividi, dolci e spettacolari, da chiudere gli occhi e lasciarsi trasportare a pensieri meraviglia.

Ma se per caso respiri mentre fai l’ennesimo boccone, il cacao in superficie diventa un’arma micidiale e mortale.

 

E un dolce da mangiare con prudenza mi fa imbestialire.

Annunci

33 pensieri su “Come il risotto riscaldato…

  1. Il cacao come l’antracite! Vedi che non ci si salva nemmeno se uno fa il salutista attento?!? Hai descritto bene e non deve essere “confortevole”. Le cesoie a volte non si possono usare, bel dilemma sai? La canzone è bellissima e devo averla usato anche io in un mio post…prima di te gne’gne’ (copiona!) 😉 Besos

    Mi piace

  2. Efficacissime queste tue immagini d’insofferenza.
    Tanto forti quanto ironiche. Rivelano la tua profonda capacità di riderne. Anche quando è tanto, è troppo.
    Forza Tati, il caldo non aiuta, certo. Ma tu sei più forte.
    [il pinguino zoppo è fantastico!…]

    Mi piace

    • Non sono fatta per i drammi ma punto al buffa, questo è risaputo. Fosse solo il caldo mi chiuderei nel freezer ma non si può.
      Non so se sono forte inizio a credere di essere semplicemente un’incosciente ma intanto resto in piedi. 🙂
      Grazie paolo
      [ il pinguino zoppo fa riderissimo :D]

      Mi piace

  3. Cribbio, comincio a credere che i molti mali del mondo abbiano avuto origine da cattive interpretazioni di ricette culinarie preziose, come quella del tiramisù: fai bene a toglierci il cacao. Viva l’anarchia e non solo in cucina…
    Un saluto ed un fiore

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...