pensieri in goccia…

Cambiano i pensieri, le stagioni e le sensazioni…

cambiano le persone e si modifica il tempo

Eppure qualcosa rimane sempre lì.. saranno i sogni, saranno i desideri

Come quando bevi e nel bicchiere rimane sempre una goccia…

e quella goccia resta lì, sul fondo… riempi il bicchiere ancora una volta, lei si mischia al resto…

finisci di bere e un’altra goccia rimane lì, sarà la stessa o un’altra, non lo so

Sta di fatto che qualcosa di minuscolo e impercettibile rimane sempre sul fondo…

Bisogna guardarlo quel fondo.

A volte è necessario passare lo straccio, asciugare tutto e ripartire

altre invece, le mie preferite, fa bene lasciarle lì

come le speranze bambine, non lavarle via, non immediatamente, magari mischiarle ad altro

goccia d’acqua con un buon vino rosso o l’esatto contrario, e guardarle cambiare quello che versi

e ci sono gocce sul fondo che chiamano le dita che con passi leggeri entrano, scivolano, raccolgono e prendono la via delle labbra…

Annunci

40 pensieri su “pensieri in goccia…

  1. Cara Tati, noi non crediamo alle coincidenze. Sono coicidenze e basta. Ciò premesso, tu sai che con quel localaccio che ho avviato mi dà parecchio da pensare, scrivere, accogliere gli avventori, partecipare a una rissa o due. Poi devo sempre pensare alla musica perché non deve mancare mai e voglio che sia non una musica di sottofondo ma una musica che sia una voce come quelle tra una chiacchiera di tavolo e due sconosciuti. Ebbene leggo queste tue belle righe e avevo tra le mani proprio queto disco di Fred Buscaglione, “Nel cielo dei Bars” che inizia con ciò che avrei commentato ma che Fred dice e canta immensamente meglio di me:
    Ci vediamo al fondo di un bicchiere
    illusione che non so dimenticar
    ogni notte ti devo ritrovare
    nel mio cielo popolato di bars
    L’avevo selezionata per El BaVon Rojo, te la “regalo”

    Mi piace

    • il fondo del bicchiere contiene ciò che ha una consistenza più “importante”… il resto scivola in bocca, lo raccogli con dita e labbra, ne godi il sapore anche quando è amaro…
      la goccia sul fondo resta, scivolando sul bordo del bicchiere, sfugge e resta contemporaneamente…
      Come i desideri nascosti… restano lì poi credi di averli bevuti e fatti scomparire… e tra una risata e una chiacchiera, un silenzio e una rissa prendi il vetro tra le dita, in un attimo di silenzio e occhi persi lo rigiri tra le dita e lei compare… lucida e presente… e resta lì…
      ( grazie… sempre bella quella voce e nella bettola ci sta benissimo, soprattutto a fine serata quando gli animi sono scoperti e silenziosi…) 🙂

      Liked by 1 persona

  2. La goccia ha una bella forma, tonda ed elegante sul petalo di un fiore, allungata a lacrima, o forse a virgola, quando cade e prende un’altra strada, irridescente, quando diventa bolla di sapone. Ci sono gocce che fanno bene, guariscono anche se sono amare, ed altre invece, dolci e vischiose come miele, che diventano trappola per insetti di passaggio. E’ proprio bello il mondo delle gocce ❤

    Mi piace

  3. adoro la copertina del gruppo che hai proposto (non pensare che il mio limitarmi a questo sia in qualche modo disdegnare ciò che hai scritto, solo che per quello credo tu abbia già commenti a sufficenza) 🙂

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...