Quote challenge – Day 2

Secondo giorno di questo giro di parole che arrivano da altrove e che mi restano piantate nel cuore…

Non so davvero cosa scrivere lascerei parlare i muri, ancora una volta…

WP_20160609_20_55_24_Pro_LI

da “Pane e Tempesta” di Stefano Benni

WP_20160611_11_29_37_Pro_LI

Penthotal… Andrea pazienza

WP_20160611_11_29_49_Pro_LI

“L’ultima risposta” dei Subsonica…. questa mi sono accorta che si legge poco, quindi la riscrivo:

” la sconfitta è un eleganza per l’ipocrisia di chi si arrende in partenza…”

 

Annunci

29 pensieri su “Quote challenge – Day 2

    • In realtà io credo ci sia sempre anche il diritto di tornare indietro, fosse anche solo per vedere meglio…ma Pazienza ha un posto nel mio cuore e da lì non se ne andrà ;
      Io scrivo dove capita… Anche sotto i pensili…

      Liked by 1 persona

    • Davvero?… ‘Spe’… ” e anche se il vento ci soffia contro, abbiamo sempre mangiato pane e tempesta… E passeremo anche questa!”
      Come ho risposto ( più sotto o sopra) anche io credo che ci sia tutto il diritto di prendere le direzioni che si vuole… Anche se spesso il tornare indietro non coincide con una presa di consapevolezza ma semplicemente con poco coraggio e questo non credo sia giusto, è una frase legata ad un momento particolare non dico sia quella in cui credo di più ma questo è il mio senso di scrivere sui muri… Resterà li è sarà un pezzo di casa anche quando non ci crederò più ( poi è di Pazienza che per me è tantissimo) 😉

      Mi piace

  1. Bellissimo il tuo scrivere sui muri.
    [lo feci anch’io; poesie, disegni; poi un accesso d’ira, d’insopportazione per le mie parole, un impeto di rinnovamento: ritinteggiai casa e cancellai tutto…]
    Brava. Ricordi, ricami. E sana ironia.

    Mi piace

    • Buongiorno!
      …è un modo come un altro per “metter su casa” poco per volta, con il tempo e tutto quello che passa… certo magari qualche parola tra un po’ sarà distante dal mio modo ma è come avere un diario… non è che quello del liceo lo butti via solo perché sei cambiata no? 😉

      Mi piace

      • Buongiorno a te!
        Sì, comprendo il tuo pensiero e il tuo sentire. E’ stato così anche per me. Tuttavia, sono soggetto a moti distruttivi nei confronti delle mie stesse parole o creazioni. Se non mi piacciono più, se non mi ci ritrovo più, le cancello. Un conto è averle sotto gli occhi ogni volta che ti alzi dal letto. Un altro riaprire un cassetto – magari chiuso a chiave – di una scrivania. D’altronde non mi sono mai abituato a tenere un diario. E vi appunto al più parole, frasi altrui. Mi piace di più rivedere com’ero, provare a rivivere quello che sentivo attraverso di quelle. Forse è ciò che facciamo tutti.

        Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...