…di strappi, rotture, demolizioni e ripartenze

se si buca una maglia

puoi ricucirla e continuare a indossarla
perchè mantiene ugualmente il potere di scaldare spalle e cuore

se rompi un bicchiere
ne puoi far lanterna
e usarla per avere luce nelle serate più scure
una scatola rotta
la puoi rattoppare e continuare ad usare,
per contenere sospiri e pensieri
se spezzi in due una matita
puoi temperarle entrambe e farne due matite
che faranno meravigliosi disegni su fogli differenti
….
le cose rotte cambiano
si trasformano
anche aggiustandole non saranno mai come prima
e quando qualcosa si rompe
ti ritrovi di fronte alla possibilità di buttare via tutto quanto
oppure tenerti i cocci e farne qualcosa…
e a volte capita che le cose non si rompano soltanto,
si distruggono
il cambiamento è obbligatorio
lo stravolgimento necessario come l’aria per respirare
ma ci sono dei pezzi che restano
e con quelli qualcosa lo devi combinare
per forza
come quando si rompe la tazza della colazione
ma il piattino è ancora tutto perfetto
e tu resti lì
occhi al pavimento
cocci ovunque
e il tuo piattino in mano
bellissimo, perfetto
piedi nudi, circondati da pezzi di ceramica rotta
che ti devi muovere evitando di conficcarti le schegge sotto le dita
devi avere una presa salda per non far scappare anche il piattino
stringi la mano, per paura di fare casini
ti vengono anche i segnetti rossi, da tanto che stringi le dita
e poi ci son giorni che hai la mano così stanca
che vorresti mollare la presa
perché in tutta sincerità, a volte, nelle sere più fredde e solitarie
non puoi fare a meno di chiederti
“… ma io adesso, da sola… che ci faccio con questo piattino?”
Annunci

58 pensieri su “…di strappi, rotture, demolizioni e ripartenze

  1. io nei piattini ci mescolavo i colori a tempera.
    qualsiasi cosa puo’ servire a qualcosa, se si vuole ovviamente.
    Poi c’e’ una seconda possibilita’, buttare via il piattino e tutto il resto del servizio e cambiare completamente, ma ci vuole coraggio e la capacita’ di non cadere nel rimpianto.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...