cambiamenti cercati e delusi….

C’è chi di fronte ad una delusione o anche solo ad una pessima giornata… si coccola con un vassoio di dolcini, un paio di scarpe, un vestito nuovo… cose così…

Ecco io, che son fatta arrotolata, di fronte a questo periodo da ottovolante emotivo ho deciso di fare altro… ( i capelli li avevo già tagliati e di tingerli…. mancoperilcazzo!) ho deciso di prendere in mano la mia situazione fisica ( no, niente palestra, massaggi o robe che aiutino a sentirsi delle gradissime fighe nel mondo… ) : ho deciso di prendermi cura della bocca.

Da sempre le ossa del mio corpo vanno in giro a cazzo loro, si spostano, si girano, ogni tanto son dolenti, altre solo fastidiose ma ci convivo tutto sommato abbastanza bene…. Tra queste, una in particolare è un po’ più fastidiosa… la mandibola. Devo tenerla perennemente sotto controllo, guai a pensare di lasciarsi andare ad un sano e liberatorio sbadiglio : si incastra lasciandomi a bocca aperta ( e lo stupore non c’entra una beneamata!) costringendomi ad un sinistro degno di un pugile professionista. Anche mangiare un panino a volte può essere incastratamente letale….

Quindi ho deciso… prendo il coraggio a due mani e vado dal dentista ad esporre la situazione….

Settimane di stampi, foto, calchi dei denti….

Finalmente arriva il giorno della consegna: mi viene dato un aggeggio, tipo paradenti da pugile ma più discreto. Lo devo usare di notte, tutte le notti, vedere come va, annotare se c’è qualcosa di strano e tra 20 giorni faccio il primo controllo.

Tutta fiera di aver preso la decisione di prendermi cura di me stessa, corico il mini… e mi piazzo ‘sto robo tra i denti…. Dormo abbastanza bene tutta la notte.

Al mattino, felice di essere riuscita a non farmi infastidire dalla cosa.. la mia mandibola è già più rilassata, sembra si sia riposata anche lei molto bene… scendo per farmi il caffè mattutino…..

SONO BLOCCATA DAL COLLO A META’ SCHIENA!

Mi si sono spostate due vertebre, che a loro volta hanno incriccato altro, che ha incriccato altro… e la mia giornata prende la piega di un girone infernale, a metà tra l’altro, perché non posso guardare il mondo alla mia sinistra… quindi mi muovo sperando che da lì non arrivi mai nessuno!

Adesso: perché il mio corpo si ribella così? Forse quello che è storto non è detto che si debba raddrizzare? Forse non c’è una direzione giusta e una sbagliata, ma solo direzioni…. Forse se ti abitui ad andare in giro a forma di punto interrogativo non potrai diventare un esclamativo?…

Ma davvero?

Ho fatto pausa una notte, ci riproverò questa notte… chissà domani che forma assumerò….

Annunci

20 pensieri su “cambiamenti cercati e delusi….

  1. le ossa corrispondono alle strutture psichiche a cui agganciamo la nostra identità. Fatte quindi di tutte le nostre paure e convinzioni, ma soprattutto di abitudini mentali. E correggere le abitudini è sempre alquanto doloroso… psicosomatica 😉

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...